pub-8090363895163991 L'ARGENTINA VIETA LE IMPORTAZIONI DI PASTA ITALIANA – Æolia

Tel +0039 0444 962395 o Prenota OnlinePRENOTA ORA

Æolia Blog

L'ARGENTINA VIETA LE IMPORTAZIONI DI PASTA ITALIANA

Posted in: Aeolia News

Pubblico su richiesta di Gianluigi, questa notizia incredibile

La trascorsa vergogna dei bond argentini non é l’unico fatto che ci preoccupa nei confronti di un paese che dovrebbe dare al ottime dimostrazioni in fatto di apertura commerciale e capacità relazionale nei mercati. Oggi, converrete con me, l’ dovrebbe dimostrarsi un paese attento e capace anche in fatto di politiche commerciali internazionali per recuperare immagine e credibilità su tutti i mercati del Mondo. Nell’immaginario di tanti italiani si ricordano le instabilità e incertezze (non solo dei mercati ma anche sociale e morali) da sempre carta di identità di questo paese dall’imprevisto facile. Ebbene, è recente la decisione di un discusso ministro argentino in base alla quale dal 10 non dovrà più essere importata pasta italiana (e una serie di altri alimenti stranieri). Questa notizia mette sinceramente una grande tristezza non tanto per l’aspetto economico: la quantità di pasta che importa l’Argentina dall’Italia è risibile, non arriverà nemmeno ad 1 milione di euro. L’indignazione deriva da ben altre ragioni, che cominciano per esempio dal fatto che l’interscambio commerciale con l’Italia è di ben 500 milioni di euro a favore all’Argentina. Senza contare poi che proprio in Argentina operano a tutto campo sia la Fiat sia la Telecom, impegnando migliaia di dipendenti mentre lo stesso governo italiano ha investito da sempre centinaia di milioni di euro in aiuti economici e sociali. Migliaia di italiani hanno proprietà e imprese in Argentina, il legame con il nostro paese è molto forte e anche la voce turismo vede notevoli capitali italiani destinati all’Argentina. La storia stessa dell’Argentina vede protagonisti gli italiani i quali si insediarono nel tempo in quel Paese ma non come feroci colonizzatori bensì come emigranti, in gran parte dei casi sfruttati e sottomessi. Ed è verissimo quanto ricordato dal giornalista Rosario Scarpato, che in un recente articolo di denuncia rispetto al veto posto nei confronti della pasta italiana, cità il Prezzolini il quale sosteneva: “fanno più Italia gli che non Dante” e questa verità vale ancora di più in un paese come l’Argentina che innegabilmente agli italiani deve tantissimo. Insomma il blocco dell importazioni di pasta italiana sembra proprio una mossa senza senso. In Argentina, nel 2010, muoiono ancora di fame 3000 bambini all’anno. Se si potesse dimostrare che misure populiste come queste servissero a salvare una sola di quelle vite, ovviamente le stesse si potrebbero accettare senza battere ciglio. Gianluigi Veronesi

0

Rispondi

Æolia Forever
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: